Vita da Expat e Storytelling di Viaggio

LA ‘VITA DA EXPAT’ IN CINA

vita da expat in cina

Sei fatto per la vita da expat in Cina?

Nel mondo dei dragoni, dei templi, del taijiquan e dello street food, la vita da expat in Cina non è facile, soprattutto per una questione culturale.

Se sei uno spirito libero e hai buona capacità di adattamento, può essere meno complicato, ma le difficoltà da affrontare ci saranno.

La Cina è Asia, e l’Asia si sa che è estrema.

La Cina però ha anche il vantaggio di avere metropoli in cui la differenza con il mondo occidentale viene quasi annullata. ‘Quasi’ perché è difficile liberarsi da caratteristiche che dominano la Cina.

La base per la vita da expat in Cina

Gli scambi culturali e la comunicazione sono il primo punto sul quale mi voglio soffermare.

Vivendo in Cina, hai la possibilità di incontrare persone da ogni angolo del mondo. Essendo la Cina oggi un Paese in forte crescita, attira molti turisti e viaggiatori. Si stanno rivalutando le bellezze naturali e artistiche, la cultura; si stanno ristabilendo le politiche commerciali e il turismo è in forte espansione. Lo dimostra la nuova Via della Seta con il progetto “One belt one road”.

Non necessariamente devi parlare cinese. La comunicazione sarà sicuramente più difficile e meno immediata, ma ho conosciuto tantissimi expat che ignoravano anche le basi della lingua cinese e vivevano tranquillamente. Per fare la spesa o andare dal parrucchiere non servono tante parole, i gesti molte volte sono sufficienti.

Se non vuoi partire perché ti spaventa il piano comunicativo, ciò che ho detto potrebbe servirti come incoraggiamento.

Se invece vuoi vivere un’esperienza unica, imparando anche la lingua, non solo ne uscirai soddisfatto, ma migliorerai anche lo speaking di altre lingue, in particolare l’inglese.

La rete di expat in Cina

Se vuoi conoscere la rete di expat che si trova nella tua città, iscriviti a Internations e partecipa agli eventi che organizzano mensilmente. Avrai la possibilità di conoscere nuove persone interessanti con le quali scambiare opinioni davanti ad un bicchiere (si spera non di baijiu, la grappa di riso cinese da 40 gradi).

Gli incontri culturali sono la chiave per chi vive all’estero: impari a relazionarti con persone provenienti da tutto il mondo e accettare le diversità.

Lo scopo degli expat credo sia proprio questo: collezionare esperienze di vita grazie agli scambi interculturali.

Le comunità di expat in Cina hanno radici solide e ben radicate. Questo ti aiuterà a vivere e a convivere con la società cinese.

La relazione con la società cinese

All’interno della Repubblica Popolare Cinese tutti ti trattano con un occhio di riguardo. L’unico vantaggio è che se parli cinese puoi capire i complimenti che ti rivolgono gli sconosciuti.

In Cina sei sempre considerato un ospite (anche se ci vivi da anni) e come tale sei rispettato, tuttavia è molto difficile integrarsi culturalmente.

Stravedono per gli occidentali, ma ti sentirai sempre come un pesce fuor d’acqua in un gruppo di soli cinesi. Anche se parli la loro lingua fluentemente, hai la percezione di esserti integrato solo superficialmente: come straniero non ti renderanno partecipe delle logiche cinesi, devi essere cinese al 100% per poterlo fare.

Sono attratti dal mondo occidentale, tuttavia il senso di attaccamento che hanno per la nazione è il segreto della loro grandezza.

È una situazione che all’inizio si sopporta e con il tempo si accetta, anche se, se non si trova un valido motivo per restare in Cina, si torna. Questo non vuol dire che la passione scompare.

La Cina è una questione di cuore, la si ama alla follia e allo stesso tempo si prova una sensazione opposta. È indispensabile trovare un equilibrio in questo mare di sentimenti contrapposti.

Comodità e praticità

Nonostante tutte le abitudini “strane” dei cinesi come sputare per terra, fare il pisolino pomeridiano sui motorini e mangiare pizze disgustose, vivere da expat in Cina è comodo e pratico.

Waimai (l’asporto) e taxi economici a tutte le ore, supermercati aperti 24h anche di domenica, pagare con Wechat in modo semplice e veloce ovunque… sono solo alcuni dei vantaggi che la Cina riserba.

Ribadisco sempre la sicurezza che si respira in ogni città cinese. Per la maggior parte dei turisti e viaggiatori è un fattore da non sottovalutare. Anche se non capirai nulla della logica cinese, ti sembrerà complicato convivere con il suo popolo, ti sentirai al sicuro

Il paese degli eccessi

Purtroppo bisogna affermarlo. La Cina è il paese degli eccessi: dall’estremo lusso di Shanghai si passa ai villaggi nei quali ancora manca un bagno in casa.

Se ti imbatti in situazioni scomode dal punto di vista dell’igiene, non bisogna essere troppo schizzinosi.

Se vuoi assaggiare i veri prodotti locali devi mettere in conto di sederti su seggiolini di plastica, mangiare con le bacchette prese da un barattolo in mezzo al tavolo e non guardare la cucina. Anzi, forse dovresti proprio dare un’occhiata alla cucina, potrebbe essere interessante lo scambio culturale che ne deriva.

Ti ritrovi in mezzo a tutto ciò, e all’inizio non capisci come sia possibile, ti sembra di vivere in un sogno, ma poi capisci, rimetti insieme i pezzi e sei proprio tu che hai vissuto questa esperienza, come se avessi preso la macchina del tempo.

Vivere in città ha sicuramente dei vantaggi, ma se sei un expat in Cina o vorresti diventarlo, ti consiglio di viaggiare. Prendi il treno per qualche villaggio sperduto, quelli in cui non si paga il biglietto per entrare, e osserva, vivi ciò che ancora resta della Cina rurale. Ciò che piano piano stanno annullando per lasciare posto a grattacieli e cemento.

È l’incontro culturale più emozionante.

Esperienza di civiltà

Oltre al pensiero di tutte le comodità e praticità, credo che il primo passo sia partire con il cuore aperto e la mente sgombra, capaci di accogliere la diversità.

Vivere da expat in Cina è curioso dato la cultura e le abitudini completamente diverse dalla nostra.

Non è facile capire la Cina, ma ci si può provare. Pochi ci riescono completamente.

Come scrive Tiziano Terzani, la Cina è più “un’esperienza di civiltà” e come Terzani stesso, mi inserisco anche io nel gruppo di coloro che “hanno speso anni a cercare di capirla, finendo per averci una storia che è stata anche una storia d’amore”.

————————————————————————————–

Se ti interessa l’argomento leggi anche gli articoli precedenti in cui parlo dell’importanza della comunicazione interculturale e del perché adoro la Cina!

Related Articles

One Reply to “LA ‘VITA DA EXPAT’ IN CINA”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: