ALL ABOUT: Gubei Water Town

Ai piedi della Grande Muraglia (sezione Simatai) si nasconde un villaggio che pullula di luci, vicoletti, barchette, suoni, danze e colori.

Gubei Water Town è un groviglio di strade strette che si affacciano sul fiume, si incrociano e si diramano fino ad aprirsi su una piazza animata da spettacoli dalla mattina fino al tramonto.

Gubei Water Town

A Gubei Water Town sembra che il tempo si sia fermato: il suolo ciottolato conferisce un senso di autenticità, le pagode richiamano la Cina della dinastia Ming e le strutture in mattoni grigi, dallo stile tipicamente cinese, riportano indietro nel tempo, lontano dalle città caotiche e super moderne.

La via principale è stracolma di street food e specialità provenienti da ogni angolo della Cina. Anche la massa di turisti cinesi si concentra in questa zona.

Basta imboccare una via secondaria per avere un po’ di pace. Improvvisamente regna la quiete, come se le mura di mattoni grigi inglobassero il vociferare della folla.

Ritorna l’equilibrio e il contatto con la natura si fa più presente.

Le vie secondarie

Un’indicazione segnala la presenza di un tempio in cima ad una collinetta. Da lì è possibile avere una panoramica sulla Water Town e sulle colline circostanti che la racchiudono. Sembra che dall’alto nel villaggio regni il silenzio e tutto sia tranquillo ed in ordine come in un caldo pomeriggio di giugno.

Il tempio

Opposta alla collina con il tempio, un’altra collina, anche se più bassa, permette una visione della cittadina da un’altra prospettiva. La salita per raggiungerla è breve e si apre in un cortile dal quale è possibile ammirare il tramonto. La particolarità è che nel cortile vi è una chiesa (sì hai capito bene: una chiesa), sinonimo che l’eclettismo è sempre più presente, anche in villaggi in cui sembra che il tempo si sia fermato. Non so quale sia la sua funzione, forse solo per decorazione.

Scendendo dalla collina e tornando nel villaggio, l’atmosfera sembra essersi fatta ancora più magica: i ponticelli sembrano essersi inarcati ancora di più, i vicoli sembrano essersi fatti ancora più stretti, i ristorantini con la terrazza sul fiume sembrano essersi moltiplicati e donano alla cena un’atmosfera incantevole.

Finché non si raggiungere la piazza in cui bancarelle cariche di souvenir, ristoranti, spettacoli con canti e balli intrattengono i turisti.

Appena si distolgono gli occhi dalla piazza, la Grande Muraglia, che si inerpica sulla collina, richiama l’attenzione, imponente e maestosa.

La Grande Muraglia è come un guardiano che sorveglia la Water Town. Dall’alto osserva quel groviglio di stradine ciottolate e la quantità di turisti che ogni giorno le popolano; è silente, ma la sua presenza si percepisce.

Lei non solo sorveglia, ma è padrona di tutto ciò che si trova al di sotto di lei. E la sera, quando fa buio, mostra tutta la sua potenza illuminandosi: una striscia di luci illumina la cima della collina e circonda la Water Town.

E così, alzando la testa, scopri che cosa significa la Bellezza.

————————————————————————————-

Info pratiche:

Come raggiungere Gubei Water Town?

Viaggiando con un budget, il percorso che ho scelto è stato molto economico.

Da Pechino ho preso la metro rosa Changping xian (la linea che porta al distretto di Changping) fino alla fermata Changping.

Da lì a piedi (15 min circa) ho raggiunto la stazione di Changping Bei (Changping Nord).

Ho preso il treno fino alla stazione di Gubei kou e da lì un taxi che mi ha portato all’alloggio che avevo prenotato in precedenza.

Se vuoi alloggiare in un hotel nella Water Town (consigliatissimo, l’atmosfera è magica), un bus dalla stazione ti porta direttamente a destinazione.

In totale ho speso 7 kuai (moneta cinese; 7.5 kuai equivalgono ad 1 euro) per la metro e 30 kuai per il treno; con 5 euro ho raggiunto un gioiello della Cina Nascosta.

Quanto costa?

Prezzo dell’entrata per la sola Gubei Water Town: 140 Renminbi

È possibile comprare un biglietto unico per Gubei Water Town e la Muraglia di Simatai.

Gubei Water Town

Lascia un commento se ti è piaciuto l’articolo e segui la mia China Adventure su Instagram.

Ti aspetto!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *